Passa ai contenuti principali

#Ciclismo - i buoni propositi per il 2019 dell'Associazione Internazionale dei Ciclisti

Come sarà il ciclismo nel 2019?

Gianni Bugno - foto Bettini

Dopo un meritato periodo di riposo invernale (per chi si è riposato, visto che oggigiorno il ciclismo ha un calendario che dura 365 giorni), il grande carrozzone del ciclismo professionale torna sulla strada e diciamo pure anche agli affari. La stagione del ciclocross è al culmine, quella "su strada" è appena iniziata con Down Under (un tempo avremmo atteso Febbraio con il mitico Laigueglia!), le gare su pista sono ancora in corso e l'Associazione Internazionale dei corridori professionisti continua a lavorare per dare un ciclismo "più sostenibile" a uomini e donne.


Il presidente della CPA (Cycling Professionnels Associes) Gianni Bugno e il suo staff non si sono mai fermati. Gli obiettivi da raggiungere nel 2019 sono numerosi e ambiziosi e il tempo scorre veloce. «Prima di Natale ci siamo incontrati con l'UCI per parlare della riforma del ciclismo e per chiedere che le regole vengano rispettate non solo dai corridori, ma anche da chiunque altro. Abbiamo chiesto una maggiore rappresentatività del CPA nelle commissioni UCI e nel Consiglio ciclistico professionale, nonché un aumento del montepremi di tutte le razze. Abbiamo anche avuto diversi incontri con piloti di diverse nazionalità che attualmente non hanno un'associazione di categoria nel loro paese, ma che possono comunque contare sul nostro supporto. La globalizzazione del CPA attraverso la creazione di unioni nazionali sta ottenendo alcuni feedback positivi nel gruppo ed è una delle nostre priorità », spiega il due volte campione del mondo.


Nella sua agenda il CPA ha importanti incontri con le squadre durante i loro ritiri e durante le prossime gare, un incontro con i membri della Fondazione Anti-Doping Ciclista (CADF) e a marzo avrà luogo il comitato direttivo della CPA. Nel suo terzo mandato come rappresentante dei corridori, Gianni Bugno vuole cambiare ritmo anche dal punto di vista della comunicazione. «Abbiamo bisogno che i corridori siano sempre più attivi e proattivi su questioni che li riguardano direttamente. Poiché abbiamo chiesto loro un parere sulla proposta dell'ASO di abolire l'uso dei misuratori di potenza durante il Tour de France, li consulteremo frequentemente in modo da poter far sentire la loro voce chiara e forte ».


La sicurezza è certamente importante per tutti. «I nostri delegati sono già impegnati in diverse competizioni e stiamo combattendo in modo tale che questo ruolo sia ancora più riconosciuto da tutti gli altri attori coinvolti. I delegati non dovrebbero sostituire i commissari o i giudici, ma dovrebbero piuttosto fungere da collegamento con i corridori. Subito dopo la gara chiederemo ai partecipanti di evidenziare eventuali punti critici e fornirci consigli per migliorare lo svolgimento della corsa. Come è già successo per alcune gare, vogliamo essere costruttivi, per aiutare gli organizzatori a rendere le loro gare più sicure e ancora più attraenti, edizione dopo edizione ».


L'altra grande novità per il 2019 riguarda la nuova piattaforma centralizzata di gestione del "denaro" che sarà attiva entro la metà di febbraio e dalle prossime settimane un amministratore per ogni squadra e subito dopo tutti i corridori saranno in grado di accedere al portale. «Ci ​​è costato molto lavoro, ma siamo soddisfatti del risultato. - dice Bugno. - Finalmente possiamo garantire il pagamento dei premi ai corridori da parte degli organizzatori, con una gestione più rapida, semplice e assolutamente trasparente. Sarà anche vantaggioso per il Fondo di Transizione (precedentemente chiamato Fondo di Solidarietà) a cui gli organizzatori spesso non hanno contribuito con la percentuale prevista, così che il CPA è stato costretto a finanziarlo per rispondere alle numerose richieste di aiuto da parte dei corridori . Anche per quanto riguarda questo fondo, che deve essere ripensato, consulteremo i corridori su cosa fare ».

Fonte: press CPA, foto Bettini

DONAZIONE - Se questo articolo ti è piaciuto, fai una donazione ad aggynomadi.com
Con il tuo contributo ci aiuterai a migliorare.  Grazie Mille..!

www.aggynomadi.com è un sito in cooperazione con Amazon.itIn cooperazione con Amazon.it

Newsletter di aggynomadi.com
Inserisci la tua email:

Commenti

I Post più popolari degli ultimi 30 giorni

#Food - Vado a mangiare la #Pinsa, anzi no la #Cirra..!

Vado a mangiare la Pinsa, anzi no la Cirra..!Da nord a sud, isole comprese e via via anche all'estero la Pinsa prende sempre più piede e fa parlare di se. Decine, centinaia, migliaia di PiZZerie hanno cambiato 2 lettere e letteralmente switchato in PiNSerie. E purtroppo, sovente, ci vengono appunto proposte delle PiZZe il cui solo nome è cambiato in PiNSe.  Della "Pinsa Romana" ci eravamo già occupati in questo specifico articolo nel quale crazie ad alcuni video del Gambero Rosso viene svelata la vera storia. Oggi invece vogliamo parlarvi di una "nuova" declinazione di Pinsa ovvero la Cirra e per provarla siamo volati in Sicilia proprio laddove è stata inventata. Cos'è la Cirra? La Cirra è il frutto di una sapiente e paziente lavorazione dell’insieme di farro, riso, soia, fibra di frumento e grano tenero che viene sottoposto, insieme al lievito madre, ad una lunghissima maturazione che le conferisce elevata digeribilità e tollerabilità.
Quelli de "…

#Food #Cibo - #Catania VS #Palermo #Derby: #Pasta alla #Norma o con le #sarde?

Catania VS Palermo - Pasta alla Norma o con le sarde? In questo articolo metteremo a confronto due grandi classici della cucina siciliana. Due primi piatti. Due città. Due campanili: Catania e Palermo.
Signore e signori, sua maestà: la pasta alla norma e quella con le sarde.
Chi vincerà?
Per noi: vincono entrambe, o diciamo così finisce in pareggio.Ma entriamo nel vivo della partita. Le varianti della ricetta per preparare queste "paste" sono davvero innumerevoli: con e senza ricotta, riccotta salata o infornata?
Ricotta e Parmigiano?
Melenzane lunghe, tonde o violette?
Ed ancora, con o senza pangrattato?
Pinoli, Uvetta o tutti e due?
Finocchietto selvatico si o no?
Pasta lunga o pasta corta?
Sarde fresche o sottosale? O meglio sottolio?
Oltre le sarde anche le acciughe?
Lo scontro è davvero agguerrito e potremmo andare a vanti all'infinito, nemmeno la zona cesarini riuscirebbe a mettere fine a questa partita del gusto..!
Oggi, vi proponiamo due ricette basiche, per 4…

#Travel - Quello che non... vorresti accadesse "mai" prima, durante, dopo un #viaggio

Quello che non... vorresti accadesse "mai" prima, durante, dopo un viaggio Con questo post, vorremmo inaugurarne -si spera- una serie per raccontarvi quanto c'è sin ora accaduto prima, durante e dopo un viaggio. L'obiettivo è quello di potervi aiutare a prevenire eventuali "imprevisti". Perché, si sa, prevenire è sempre meglio che curare :-)
Che ne dite, ci proviamo?
Va bene, che inizino le danze di quello che non...
Quello che non... vorresti accadesse mai dopo aver acquistato il tuo volo
In questo mondo virtuale, globale, di viaggi fai da te, è sempre più comune -diremmo prassi- andare a caccia -diciamo così- del volo della vita e soprattutto del volo al prezzo più basso.
Che sia una "error fare", una promozione lancio di una nuova tratta, una svendita stagionale, una offerta della più blasonata low cost? Poco importa, è fondamentale assicurarsi quel dannato biglietto al prezzo più basso ed a seguire hotel, resort, trasporti per poter poi final…

Aggynomadi in cooperazione con Amazon.it
In cooperazione con Amazon.it

DISCLAIMER - AVVISO