Passa ai contenuti principali

#UAETOUR - @UCI_cycling @dubaitour #RidetoAbuDhabi @Abu_Dhabi_Tour #Cycling #Cyclinglife #Cyclisme #Bicileta #Ciclismo - Verso il primo #Tour degli Emirati Arabi Uniti.

Verso il primo Tour degli Emirati Arabi Uniti.

La nuova gara UCI WorldTour inizierà ad Abu Dhabi, attraverso gli altri Emirati, e si concluderà a Dubai. 
  
#UAETOUR - 24 Febbraio / 2 Marzo 2019
L'attesissima fusione tra il Dubai Tour e Abu Dhabi Tour creerà una gara più grande, migliore e di maggior successo - The UAE Tour, l'unica gara WorldTour in Medio Oriente - che sarà ideale per ciclisti forti e a tutto tondo. L'edizione 2019 inizierà ad Abu Dhabi e finirà a Dubai, mentre la gara del 2020 invertirà la rotta.

Gli organizzatori della gara, che in futuro prevedono di espandere la gara per includere più tappe, sono gli Sports Council di Dubai e Abu Dhabi, in collaborazione con RCS Sport. Un trio che porta una profonda esperienza, incluse nove edizioni del tour race di Emirates (con cinque Dubai e quattro Abu Dhabi Tours) e che garantisce visione, esperienza e il giusto know-how.


In linea con la tradizione ciclistica, il percorso e le maglie saranno svelate solo all'inizio del prossimo anno. Tuttavia, il nuovo logo, la campagna pubblicitaria ufficiale e le attività promozionali associate saranno mostrati in un evento dedicato all'inizio di ottobre. Ciò fornirà anche l'opportunità di parlare del formato 2019 dell'ex "Abu Dhabi Tour Challenge".
La prima edizione della Challenge, nel 2017, consisteva in due cronometro e una gara di eliminazione in giorni consecutivi sul circuito ciclistico di Yas Marina, e ha attirato quasi 900 iscrizioni totali. Nel 2018 è stato lanciato un nuovo formato multidisciplinare, con il supporto di Mark Cavendish come Ambasciatore e Tag Heuer come cronometrista ufficiale. Consisteva in tre diverse fasi, con il primo round sulla salita iconica di Jebel Hafeet e gli altri due messi in scena sul circuito Yas Marina F1.

Progetto educativo Tour Emirati Arabi Uniti

A ottobre verrà inoltre presentata la nuova edizione del progetto Educational: un workshop di un'ora creato in esclusiva per le scuole degli Emirati Arabi, incentrato sulla familiarizzazione degli studenti con la storia della bicicletta, i vantaggi del ciclismo e della sicurezza stradale. Negli ultimi tre anni, quasi 4000 bambini tra 8 e 12 anni e trenta scuole diverse ad Abu Dhabi, Al Ain e Al Dhafra hanno partecipato al progetto Educational. Grazie al nuovo Tour degli Emirati Arabi Uniti, nel 2019 il progetto sarà esteso anche a diverse scuole degli altri Emirati. 
Yousif Mirza, ciclista del team Emirates degli Emirati Arabi Uniti, ha commentato: 
Sono fortunato ad aver potuto realizzare il mio sogno di essere un ciclista professionista. Sono in grado di viaggiare per il mondo e ho l'onore di rappresentare gli Emirati Arabi Uniti nelle più importanti gare del World Tour. È iniziato con la gioia che provavo mentre guidavo la mia bicicletta da bambino, cosa che mi piacerebbe provare con più giovani negli Emirati Arabi Uniti. Sono orgoglioso di sostenere il progetto Educational che, insieme al Tour degli Emirati Arabi Uniti, sarà un ottimo modo per ispirare i futuri campioni degli Emirati Arabi Uniti
 
H.E. Aref Al Awani, segretario generale del Consiglio sportivo di Abu Dhabi, ha commentato: 
Fin dall'inizio, abbiamo lavorato per creare una gara sempre più attraente per i fan e i piloti. Questa fusione rappresenta un'opportunità per diventare più grande, più forte per promuovere meglio la cultura ciclistica in Medio Oriente e negli Emirati Arabi Uniti nel mondo

Siamo molto orgogliosi degli ultimi cinque anni di successi del Dubai Tour, e vorrei cogliere l'occasione per ringraziare tutti i nostri sponsor, partner e volontari perché facevamo tutti parte della stessa squadra. Ora ne creeremo uno nuovo, insieme all'Abu Dhabi Sports Council. E sono davvero orgoglioso di far parte di questo nuovo team perché la sfida è il sale della vita e una caratteristica comune sia all'Abu Dhabi che al Dubai Sports Council


Osama Al Shafar, presidente della Federazione ciclistica degli Emirati Arabi Uniti, ha commentato:
Entrambi i consigli sportivi hanno acquisito una grande esperienza tecnica e organizzativa negli ultimi anni. La decisione di unire le forze e creare il Tour degli Emirati Arabi Uniti garantisce un grande futuro per il ciclismo professionale e amatoriale negli Emirati.
La breve storia del ciclismo su strada in Medio Oriente iniziò solo 5 anni orsono con il Dubai Tour, nel 2013, con l'apertura della pista ciclabile nel deserto di Al Qudra, un progetto fortemente sostenuto da Sua Altezza Sheikh Mohammed Bin Rashid Al Maktoum. L'apertura della pista ciclabile è stata a fianco del lancio ufficiale della prima edizione del Dubai Tour: una gara a quattro fasi che sarebbe iniziata l'anno successivo.
Questa scelta fatta da entrambi i partner dimostra una reale consapevolezza e una risposta positiva alla necessità di cambiare per crescere. Dal mio punto di vista, la possibilità di avere una gara più lunga è un'opportunità per avere un buon mix di tappe, aperto a tutti i tipi di ciclisti, come la Tirreno-Adriatico italiana, un'opportunità per esplorare al meglio il territorio degli EAU. Mauro Vegni, Direttore di ciclismo RCS Sport


Il trofeo

Progettato dal famoso produttore italiano GDE Bertoni, ben noto per la produzione della Coppa del Mondo FIFA, questo trofeo ettagonale è placcato in oro 24kt e pesa 5,5 kg. Sul retro Porta tutti i nomi dei nove vincitori del Dubai e Abu Dhabi Tours: Taylor Phinney, Mark Cavendish, Marcel Kittel (due volte vincitore) e Elia Viviani per Dubai; e Esteban Chavez, Tanel Kangert, Rui Costa e Alejandro Valverde per Abu Dhabi - un rollio d'onore di prim'ordine che include tre campioni del mondo e una medaglia d'oro olimpica. Il trofeo sarà assegnato al vincitore della classifica generale del Tour degli Emirati Arabi Uniti

DONAZIONE - Se questo articolo ti è piaciuto, fai una donazione ad aggynomadi.com - Con il tuo contributo ci aiuterai a migliorare.  Grazie Mille..!


www.aggynomadi.com è un sito in cooperazione con Amazon.itIn cooperazione con Amazon.it

Commenti

I Post più popolari degli ultimi 30 giorni

#Food - Vado a mangiare la #Pinsa, anzi no la #Cirra..!

Vado a mangiare la Pinsa, anzi no la Cirra..!Da nord a sud, isole comprese e via via anche all'estero la Pinsa prende sempre più piede e fa parlare di se. Decine, centinaia, migliaia di PiZZerie hanno cambiato 2 lettere e letteralmente switchato in PiNSerie. E purtroppo, sovente, ci vengono appunto proposte delle PiZZe il cui solo nome è cambiato in PiNSe.  Della "Pinsa Romana" ci eravamo già occupati in questo specifico articolo nel quale crazie ad alcuni video del Gambero Rosso viene svelata la vera storia. Oggi invece vogliamo parlarvi di una "nuova" declinazione di Pinsa ovvero la Cirra e per provarla siamo volati in Sicilia proprio laddove è stata inventata. Cos'è la Cirra? La Cirra è il frutto di una sapiente e paziente lavorazione dell’insieme di farro, riso, soia, fibra di frumento e grano tenero che viene sottoposto, insieme al lievito madre, ad una lunghissima maturazione che le conferisce elevata digeribilità e tollerabilità.
Quelli de "…

#Fly & #Drive - Dove noleggiare un auto alle Canarie?

CICAR - Canary Islands Car offre la più ampia rete di noleggio di veicoli alle isole Canarie.
Un viaggiatore si è trovato, almeno una volta, di fronte alla necessità di dover noleggiare un auto.
Per chi viaggia spesso, invece la necessità è certamente più ricorsiva.
Ci si trova quindi a dover confrontare una serie di informazioni, classi, vantaggi, assicurazioni, chilometraggi, opzioni e servizi vari che danno seguito alla scelta ed ovviamente producono il prezzo di noleggio della vettura. Il più delle volte ci si orienta verso le grandi compagnie di autonoleggio più blasonate a livello internazionale o si fa uso dei comparartori di tariffe. O ancora più banalmente si fa affidamento agli autonoleggi "low cost" che le varie OTA (Online Travel Agency) e i siti delle Compagnie Aeree ci propongono a margine dell'acquisto del soggiorno in hotel o del volo. Ovviamente #aggynomadi -come in molti già sapranno- consiglia sempre di ricercare, comparare e leggere sempre attentamen…

#Viaggi & #Benessere - MGallery: un'esperienza olistica

L'olismo entra a far parte dell'esperienza di benessere degli hotels MGallery
MGallery, il marchio del gruppo Accor Hotels, svela una nuova strategia di benessere, offerta in 26 paesi in cui si trovano i boutique hotel di lusso del brand. Il suo unico obiettivo: accendere la tua scintilla interiore. MGallery crede che il benessere sia un'esperienza olistica che mira ad accendere la scintilla interiore di ogni ospite, quindi la nuova esperienza del marchio si basa su 3 pilastri: nutrire l'anima, incoraggiare uno stile di vita equilibrato e progettare aree funzionali uniche.
Un approccio unico al benessere Essenziale per promuovere energia, bellezza ed equilibrio, l'esclusivo approccio al benessere di MGallery inizia con il tuo stile di vita, con le proprietà che consentono alle persone di scoprire uno spettro di iniziative di benessere durante tutto il soggiorno.

Potrai prenderti cura di te attraverso uno dei partner di bellezza "su misura" scelti dall'…

Aggynomadi in cooperazione con Amazon.it
In cooperazione con Amazon.it

DISCLAIMER - AVVISO