Passa ai contenuti principali

#Travel #Food #Traveller #Viaggi #Cibo #Giappone #Japan #Japanfood - #Okonomiyaki a #Okayama

Okonomiyaki a Okayama

Proprio così, per mangiare gli Okonomiyaki siamo andati ad Okayama..!


Dal titolo avrete certamente capito che per mangiare dei buonissimi ed "originali" Okonomiyaki siamo andati fino ad Okayama. Una città nel sud del Giappone, capoluogo della omonima prefettura, situata nel Chugoku nell'isola di Honshu. In un altro articolo vi parleremo ancora di questa città, perché non è famosa solo per gli Okonomiyaki.

Dicevamo quindi che l'argomento di oggi  sono gli Okonomiyaki. Li conoscete?

L'okonomiyaki (letteralmente okonomi = ciò che vuoi, yaki = alla griglia) è un piatto agro-dolce giapponese che ricorda nella forma il pancake americano, o ancora una frittata italiana, meglio se di pasta e Napoletana. L'okonomiyaki è un elemento della cultura ed appare spesso in diversi manga e anime.
Come ogni portata che si rispetti, vi sono diverse varianti di questa pietanza, fra le quali si è distinta quella cucinata nella regione del Kansai, tanto che frequentemente l'okonomiyaki viene chiamato la "pizza di Osaka". Ed infatti noi di aggynomadi.com abbiamo volato fino ad Osaka nella regione del Kansai. Da Osaka, con un treno Sakura Shinkansen (il velocissimo Bullet Train Giapponese) ci siamo spostati circa 300 km a sud per raggiungere appunto Okayama fuori dalle "solite" rotte turistiche.


Per chi ci volesse ripetere l'esperienza culinaria che vi stiamo per raccontare, il ristorante (dalla Donna Bianca ribattezzato "Il Postaccio") è: Kamon S Okonomiyaki 2-22 Honmachi, Kita-ku | 1F Nishiki Bldg., Okayama 700-0901, Okayama Prefecture+81 86-231-3310

Ma torniamo a Lui: Sua Maestà l'Okonomiyaki - Com'è preparato?

VIDEO - Dal Canale Youtube di aggynomadi.com



Guarda su YouTube il video della preparazione "al tavolo" di due okonomiyaki

L'impasto comprende molti ingredienti, tra i quali principalmente: fettine di foglie di verza, acqua, farina di grano e uova. Vengono poi aggiunti, a seconda dei gusti, carne, seppie, gamberetti, eccetera. Tipicamente viene cucinato negli appositi ristoranti su una piastra calda chiamata "teppan" che fa parte del tavolo dei commensali o del bancone del ristorante e viene utilizzata per cucinare direttamente l'okonomiyaki. Si prepara aiutandosi con delle spatole metalliche per non farlo attaccare alla piastra e per tagliarlo quando è pronto. L'okonomiyaki può essere cucinata anche in casa utilizzando normali padelle o meglio su un testo romagnolo.

Campanilismo

Non meravigliatevi, ma anche nella terra del "Sol Levante" esiste un sano "Campanilismo Culinario" e quindi come ogni piatto "famoso" c'è sempre chi si contende la paternità del piatto. In questo caso i pretendenti rimangono appunto nel sud del Giappone e le due città in corsa, o meglio le due cucine in gara :-) ... sono quelle di Osaka ed Hiroshima. Sembrerebbe che l'okonomiyaki nacque nell'immediato dopoguerra proprio ad Hiroshima come evoluzione di una merenda economica per bambini chiamata issen-yoshoku (cibo occidentale da una moneta), preparata con gli ingredienti portati dagli aiuti umanitari seguiti alla catastrofe provocata dalla bomba atomica.



Secondo altre fonti, il piatto fu inventato ad Osaka alla fine degli anni trenta, ed era un'evoluzione di precedenti pietanze tipiche della cucina giapponese chiamate funoyaki, sukesoyaki e yoshokuyaki. Dopo essere stato cucinato nei primi anni come una semplice frittella di grano, con la ripresa economica del dopo guerra si cominciò ad aggiungere altri alimenti quali la carne, l'uovo ed il cavolo. La maionese fu applicata per la prima volta nel 1946 da un ristorante di Osaka.

L'Okonomiyaki ad Osaka

La preparazione in ristorante con la cottura direttamente sulla piastra del tavolo dei commensali.
La scelta degli ingredienti e le relative quantità dipendono dalle diverse versioni del piatto. Nella lista che vi riportiamo, relativa alla ricetta di Osaka, alcuni degli ingredienti possono essere omessi o sostituiti a seconda degli alimenti a disposizione e dei gusti del cuoco.



L'impasto è composto da nagaimo grattugiato (un igname tipico della cucina giapponese), polvere di dashi (un brodo giapponese da aggiungere all'acqua di impasto), farina di grano setacciata, acqua, uova, tenkasu (dei fiocchi di farina fritti croccanti), foglie di cavolo tagliato a fettine, fettine di pancetta cruda di maiale, cipolla verde tritata, beni shoga (zenzero tritato ed aromatizzato in salsa di perilla, tipico della cucina giapponese) e sakura-ebi (una varietà di gamberetti liofilizzati che si trova nei mari della prefettura di Shizuoka). Una volta che l'impasto è omogeneo, va messo sulla piastra, che va precedentemente unta con poco olio, e viene cotto su entrambi i lati. Lo spessore finale dell'okonomiyaki varia tra i 10 ed i 20 mm, a seconda delle differenti versioni. Come detto, la carne può essere sostituita da frutti di mare o gamberetti, o da una combinazione a piacere. Possono essere impiegate altre verdure.




Esiste una versione del piatto di Osaka con l'aggiunta di porri chiamata negiyaki, ed un'altra con l'aggiunta di yakisoba (spaghetti tradizionali saltati alla piastra della cucina giapponese) chiamata modanyaki "yaki moderno". Nei ristoranti specializzati, la stessa yakisoba viene spesso cucinata a parte e mangiata in combinazione con l'okonomiyaki.




A cottura ultimata, si aggiungono aonori (una varietà di alghe secche giapponesi triturate), katsuobushi (dei sottili fiocchi di tonnetto striato secco fermentato e affumicato), salsa Otafuku (un condimento denso, scuro e dolciastro della cucina giapponese) e maionese.

Okonomiyaki di Hiroshima

Nella versione di Hiroshima viene preparata prima una bassa crespella, utilizzando una parte della pastella che contiene gli ingredienti base dell'okonomiyaki di Osaka. Poi si aggiunge una quantità maggiore di verza seguita dagli altri ingredienti e dal resto della pastella. Ad Hiroshima vengono aggiunti anche i germogli di soia. Spesso il piatto viene ultimato con l'aggiunta di yakisoba e uova strapazzate, cucinate sulla stessa piastra e poi poste su uno o entrambi i lati dell'okonomiyaki. Viene usata una quantità maggiore anche di salsa Otafuku.

La variante della capitale - Il Monjayaki

L'okonomiyaki nello stile di Tokyo, meno popolare dei precedenti, viene chiamato monjayaki. Le verdure e la carne vengono cotte per prime e poi disposte in un cerchio al cui interno viene messa la pastella. Oltre al monjayaki, i ristoranti di Tokyo servono le normali versioni di okonomiyaki.




DONAZIONE - Se questo articolo ti è piaciuto, fai una donazione ad aggynomadi.com - Con il tuo contributo ci aiuterai a migliorare.  Grazie Mille..!


www.aggynomadi.com è un sito in cooperazione con Amazon.itIn cooperazione con Amazon.it

Commenti

I Post più popolari degli ultimi 30 giorni

#Food - Vado a mangiare la #Pinsa, anzi no la #Cirra..!

Vado a mangiare la Pinsa, anzi no la Cirra..!Da nord a sud, isole comprese e via via anche all'estero la Pinsa prende sempre più piede e fa parlare di se. Decine, centinaia, migliaia di PiZZerie hanno cambiato 2 lettere e letteralmente switchato in PiNSerie. E purtroppo, sovente, ci vengono appunto proposte delle PiZZe il cui solo nome è cambiato in PiNSe.  Della "Pinsa Romana" ci eravamo già occupati in questo specifico articolo nel quale crazie ad alcuni video del Gambero Rosso viene svelata la vera storia. Oggi invece vogliamo parlarvi di una "nuova" declinazione di Pinsa ovvero la Cirra e per provarla siamo volati in Sicilia proprio laddove è stata inventata. Cos'è la Cirra? La Cirra è il frutto di una sapiente e paziente lavorazione dell’insieme di farro, riso, soia, fibra di frumento e grano tenero che viene sottoposto, insieme al lievito madre, ad una lunghissima maturazione che le conferisce elevata digeribilità e tollerabilità.
Quelli de "…

#Fly & #Drive - Dove noleggiare un auto alle Canarie?

CICAR - Canary Islands Car offre la più ampia rete di noleggio di veicoli alle isole Canarie.
Un viaggiatore si è trovato, almeno una volta, di fronte alla necessità di dover noleggiare un auto.
Per chi viaggia spesso, invece la necessità è certamente più ricorsiva.
Ci si trova quindi a dover confrontare una serie di informazioni, classi, vantaggi, assicurazioni, chilometraggi, opzioni e servizi vari che danno seguito alla scelta ed ovviamente producono il prezzo di noleggio della vettura. Il più delle volte ci si orienta verso le grandi compagnie di autonoleggio più blasonate a livello internazionale o si fa uso dei comparartori di tariffe. O ancora più banalmente si fa affidamento agli autonoleggi "low cost" che le varie OTA (Online Travel Agency) e i siti delle Compagnie Aeree ci propongono a margine dell'acquisto del soggiorno in hotel o del volo. Ovviamente #aggynomadi -come in molti già sapranno- consiglia sempre di ricercare, comparare e leggere sempre attentamen…

#Viaggi & #Benessere - MGallery: un'esperienza olistica

L'olismo entra a far parte dell'esperienza di benessere degli hotels MGallery
MGallery, il marchio del gruppo Accor Hotels, svela una nuova strategia di benessere, offerta in 26 paesi in cui si trovano i boutique hotel di lusso del brand. Il suo unico obiettivo: accendere la tua scintilla interiore. MGallery crede che il benessere sia un'esperienza olistica che mira ad accendere la scintilla interiore di ogni ospite, quindi la nuova esperienza del marchio si basa su 3 pilastri: nutrire l'anima, incoraggiare uno stile di vita equilibrato e progettare aree funzionali uniche.
Un approccio unico al benessere Essenziale per promuovere energia, bellezza ed equilibrio, l'esclusivo approccio al benessere di MGallery inizia con il tuo stile di vita, con le proprietà che consentono alle persone di scoprire uno spettro di iniziative di benessere durante tutto il soggiorno.

Potrai prenderti cura di te attraverso uno dei partner di bellezza "su misura" scelti dall'…

Aggynomadi in cooperazione con Amazon.it
In cooperazione con Amazon.it

DISCLAIMER - AVVISO