Passa ai contenuti principali

#Japan #Food #Salsa di #Soia e Teriyaki - Conosciamo meglio queste due salse della #Cucina #Giapponese

Ormai il Japan Style è di casa anche da aggynomadi.com e qualche giorno fa abbiamo testato due salse tipiche. Perché non farle conoscere anche a voi?

Come altri cibi ed ingredienti "Giapponesi" anche la salsa di soia nasce in Cina e fu introdotta per la prima volta in Giappone alla fine del VII secolo ad opera dei monaci buddisti, che la utilizzavano per conferire ai cibi aroma di carne (carne e pesce non potrebbero essere consumati dai buddisti).

In generale le salse di soia giapponesi utilizzano il grano come ingrediente principale e questo tende a conferirgli un gusto più dolce rispetto alle salse cinesi e possiedono anche un certo gusto alcolico.




In particolare, le salse di soia giapponesi più conosciute sono:

  • Koikuchi - Viene prodotta con quantità approssimativamente eguali di grano e soia. Originaria della regione Kantō, il suo uso si è esteso in tutto il Giappone a tal punto da essere considerata la tipica salsa di soia giapponese.
  • Usukuchi - Particolarmente popolare nella regione Kansai (quella di Osaka, Kobe e Kyoto) è più salata con un colore meno accentuato rispetto alla koikuchi. Il colore più chiaro è legato all'uso dell'amazake, un liquido dolce ottenuto dalla fermentazione del riso.
  • Tamari - Prodotta principalmente nella regione di Chūbu, è ottenuta principalmente dalla soia, con l'aggiunta di una piccola quantità di grano; di conseguenza assume colorazione più scura e un maggiore aroma rispetto alla koikuchi. È considerata la salsa di soia giapponese originale, in quanto strettamente correlata con quella originariamente introdotta dalla Cina.
  • La Shoyu a differenza della salsa Tamari ha un sapore più delicato e contiene glutine di frumento. (non è adatta per i Celiaci).
  • Shiro - Ha una colorazione molto leggera e al contrario della Tamari è principalmente prodotta col grano, con una aggiunta molto piccola di soia.
  • Saishikomi - Quest'ultima salsa di soia è ottenuta da una doppia fermentazione del Koikuchi, è quindi molto più scura e più aromatica con un sapore molto forte.

Teriyaki 
Fin qui abbiamo trattato della salsa di soia, sia più in generale che nelle varie declinazioni di  salse di soia giapponesi. Bene, passiamo ora al teriyaki
Il termine teriyaki è composto dalle parole teri, che significa lucido o splendente, in riferimento al colore conferito dalla salsa, e yaki che significa cotto su metallo, come una griglia, una piastra o una padella, come nel caso del teriyaki.
Con questo termine ci si riferisce sia alla salsa che ha questo particolare nome che ai piatti cucinati con il suo impiego e alla tecnica con cui vengono preparati. La salsa e i piatti correlati sono caratteristici della cucina giapponese tradizionale. Tra gli svariati alimenti cucinati con la salsa teriyaki ci sono: pollo, manzo, pesce, frutti di mare, tofu ecc. Io vi consiglio cosce di pollo disossate e salmone  teriyaki. Secondo la tradizione giapponese, una pietanza  teriyaki va consumata con il riso cotto al vapore e verdure come guarnitura.  
Gli ingredienti base della salsa teriyaki sono mirin, sake, salsa di soia scura e zucchero cucinati in padella e fatti bollire a fuoco medio fino allo scioglimento dello zucchero e fino al raggiungimento di una consistenza cremosa o comunque della densità preferita (in realtà è abbastanza densa..!). Quando la salsa è pronta si può aggiungere subito l'alimento prescelto, o si può farla raffreddare, metterla in un recipiente, preferibilmente in vetro, e conservarla in frigorifero. Tra gli altri ingredienti opzionali che si possono aggiungere: zenzero grattugiato, aglio tritato, amido.
Tra i diversi tipi di preparazione vi è quello di rosolare con olio l'alimento prescelto, quindi aggiungere la salsa teriyaki fino alla cottura preferita. Altro sistema (certamente il migliore) prevede la marinatura nella salsa teriyaki dell'alimento scelto per un periodo che può variare tra i 30 minuti ed un giorno prima della cottura. In alternativa alla padella su fuoco può essere utilizzata una pirofila e cuocere il teriyaki al forno. Sconsigliamo il forno: piastra, griglia o piastra sono i metodi di cottura migliori per questo tipo di preparazione.


Come sempre, nell'articolo trovate già referenziati su Amazon.it i link ai prodotti trattati e tra le immagini una selezione dei migliori tra quelli proposti "Best Products"


Commenti

I Post più popolari degli ultimi 30 giorni

#Food - Vado a mangiare la #Pinsa, anzi no la #Cirra..!

Vado a mangiare la Pinsa, anzi no la Cirra..!Da nord a sud, isole comprese e via via anche all'estero la Pinsa prende sempre più piede e fa parlare di se. Decine, centinaia, migliaia di PiZZerie hanno cambiato 2 lettere e letteralmente switchato in PiNSerie. E purtroppo, sovente, ci vengono appunto proposte delle PiZZe il cui solo nome è cambiato in PiNSe.  Della "Pinsa Romana" ci eravamo già occupati in questo specifico articolo nel quale crazie ad alcuni video del Gambero Rosso viene svelata la vera storia. Oggi invece vogliamo parlarvi di una "nuova" declinazione di Pinsa ovvero la Cirra e per provarla siamo volati in Sicilia proprio laddove è stata inventata. Cos'è la Cirra? La Cirra è il frutto di una sapiente e paziente lavorazione dell’insieme di farro, riso, soia, fibra di frumento e grano tenero che viene sottoposto, insieme al lievito madre, ad una lunghissima maturazione che le conferisce elevata digeribilità e tollerabilità.
Quelli de "…

#Fly & #Drive - Dove noleggiare un auto alle Canarie?

CICAR - Canary Islands Car offre la più ampia rete di noleggio di veicoli alle isole Canarie.
Un viaggiatore si è trovato, almeno una volta, di fronte alla necessità di dover noleggiare un auto.
Per chi viaggia spesso, invece la necessità è certamente più ricorsiva.
Ci si trova quindi a dover confrontare una serie di informazioni, classi, vantaggi, assicurazioni, chilometraggi, opzioni e servizi vari che danno seguito alla scelta ed ovviamente producono il prezzo di noleggio della vettura. Il più delle volte ci si orienta verso le grandi compagnie di autonoleggio più blasonate a livello internazionale o si fa uso dei comparartori di tariffe. O ancora più banalmente si fa affidamento agli autonoleggi "low cost" che le varie OTA (Online Travel Agency) e i siti delle Compagnie Aeree ci propongono a margine dell'acquisto del soggiorno in hotel o del volo. Ovviamente #aggynomadi -come in molti già sapranno- consiglia sempre di ricercare, comparare e leggere sempre attentamen…

#Viaggi & #Benessere - MGallery: un'esperienza olistica

L'olismo entra a far parte dell'esperienza di benessere degli hotels MGallery
MGallery, il marchio del gruppo Accor Hotels, svela una nuova strategia di benessere, offerta in 26 paesi in cui si trovano i boutique hotel di lusso del brand. Il suo unico obiettivo: accendere la tua scintilla interiore. MGallery crede che il benessere sia un'esperienza olistica che mira ad accendere la scintilla interiore di ogni ospite, quindi la nuova esperienza del marchio si basa su 3 pilastri: nutrire l'anima, incoraggiare uno stile di vita equilibrato e progettare aree funzionali uniche.
Un approccio unico al benessere Essenziale per promuovere energia, bellezza ed equilibrio, l'esclusivo approccio al benessere di MGallery inizia con il tuo stile di vita, con le proprietà che consentono alle persone di scoprire uno spettro di iniziative di benessere durante tutto il soggiorno.

Potrai prenderti cura di te attraverso uno dei partner di bellezza "su misura" scelti dall'…

Aggynomadi in cooperazione con Amazon.it
In cooperazione con Amazon.it

DISCLAIMER - AVVISO